Viaggi Eventi Formazione | Ciak Si Gira


Per stampare correttamente questa proposta utilizzare
il bottone rosso SCHEDA PROPOSTA PDF presente nella pagina.

ROCCA CALASCIO E CAMPO IMPERATORE

dal 29 al 30 Ago 2020

Dal castello incantato al piccolo Tibet come in un film!

Se ami gli spazi sconfinati e i silenzi della montagna, non troverai modo migliore che partecipare a questo viaggio. I borghi delle Terre della Baronia sono piccoli gioielli medievali suggestivi e accoglienti in ogni periodo dell'anno. L’altopiano di Campo Imperatore ti sorprenderà con i suoi panorami infiniti ed ariosi.

Minuscolo borgo fortificato all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso, Santo Stefano di Sessanio, membro dei borghi più belli d'Italia, è un gioiello architettonico di epoca medievale interamente conservato e perfettamente inserito nel paesaggio circostante. Appena superata la porta, Santo Stefano di Sessanio incanta il visitatore: le scalinate, gli archi, i camminamenti coperti, gli edifici ornati di bifore e loggiati danno infatti all’abitato un aspetto un po’ magico  e misterioso che affascina passo dopo passo. La storia del piccolo centro è legata ai Medici che diventarono signori di Santo Stefano nel 1579 e vi restarono fino al 1743. La signoria fiorentina porterà il borgo abruzzese al suo massimo splendore facendo di Santo Stefano di Sessanio il centro per il commercio della lana “carfagna”, una lana nera usata per le divise militari e i sai dei monaci. 
Il borgo in epoca recente è tornato ad essere famoso per l’iniziativa di Daniel Kihkgren, giovane imprenditore svedese che dopo aver acquistato parte delle abitazioni abbandonate del centro storico, le ha ristrutturate nel rispetto delle caratteristiche architettoniche. Tutti gli interventi hanno preservato l’integrità estetica del borgo e del territorio circostante rispettando la storia e la cultura locale. Oggi queste abitazioni fanno parte di un progetto di “albergo diffuso” che ha reso Santo Stefano meta di un turismo non convenzionale.

Il Castello di Rocca Calascio, in provincia dell’Aquila, compreso all’interno dell’area del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, è uno dei gioielli non solo della nostra regione, ma dell’Italia intera. Costruito su una cresta a 1460 metri sul livello del mare è uno dei castelli più alti d’Europa e dalla sua posizione domina l’altopiano di Navelli e la valle del Tirino e offre una vista a 360 gradi che spazia dal Corno Grande al Sirente-Velino, dai monti marsicani fino ad arrivare al massiccio della Majella. La Rocca di Calascio è stata citata persino dal prestigiosissimo National Geographic che l’ha inserita nell’elenco dei 15 castelli più belli al mondo, insieme a luoghi iconici come il Castello di Praga o quello bavarese di Neuschwanstein. Nell'area del Gran Sasso dal dopoguerra in poi, erano stati girati diversi film, sia produzioni nazionali, che pellicole americane. Probabilmente proprio grazie a questo interesse per luoghi ancora relativamente incontaminati, facilmente raggiungibili e allo stesso tempo altamente spettacolari, Rocca Calascio fu scelta come uno dei luoghi principali del film fantasy Lady Hawke, e di un’altra pellicola di successo: il Nome della Rosa, tratto dall’omonimo capolavoro di Umberto Eco, con Sean Connery. Dagli anni ‘80 in poi diverse produzioni hanno scelto di inserire Rocca Calascio all’interno dei loro film, ultimo dei quali The American con George Clooney, girato interamente in Abruzzo. 

Campo Imperatore è un altopiano nascosto nel cuore dell'Appennino centrale, tanto sconfinato che Fosco Maraini lo paragonò al Tibet. La vista riesce a spingersi per notevoli distanze in ogni direzione... il cielo è a portata di mano, come sulla cima di una montagna. Le cime che delimitano e circondano il "piccolo Tibet" sono tra le più elevate e suggestive dell'Appennino. Non a caso Campo Imperatore è considerato un set naturale, che ha visto l'ambientazione di numerosi spot pubblicitari, videoclip musicali e di numerose pellicole cinematografiche... "Il deserto dei Tartari", "Ladyhawke", "Il nome della rosa", "King David", "Così è la vita", "L'orizzonte degli eventi", ma soprattutto di due film che sono nel cuore di tutti noi: "Lo chiamavano Trinità…" (1970) e "...continuavano a chiamarlo Trinità" (1971), con la formidabile coppia Bud Spencer e Terence Hill.
Il Monte Prena, il Camicia e lo stesso Corno Grande sono facilmente riconoscibili in alcune inquadrature e proprio a Campo Imperatore è stata girata anche la scena esilarante, entrata ormai nella storia del cinema, nella quale un gruppo di cowboy viene derubato per ben due volte della pentola di fagioli, prima da Bambino e poi da Trinità. 

PROGRAMMA 

 I° Giorno
 6:30
 Partenza dal piazzale antistante l'agenzia (Rimini - Piazzale Caduti di Cefalonia). 
11:00  Arrivo a S Stefano Sessanio e incontro con la guida.
Faremo una passeggiata nel borgo partendo dalla Porta Medicea
 attraverso i tortuosi selciati che si insinuano tra le abitazioni, scopriremo le case-mura, la Torre Merlata in gran parte ricostruita dopo i danni del terremoto, la romantica "Buscella" le antiche botteghe delle ricamatrici del tombolo e la preziosa eredità lasciata dall’antica opulenza prodotta dal commercio della lana. 
13:00 tempo libero per il pranzo 
15:30 Incontro con la guida di media montagna per l'escursione a piedi: partiremo da Santo Stefano di Sessanio e attraverso il Piano Lucchiano si salirà per la cresta del Monte delle Croci fino a raggiungere il castello di Rocca Calascio e la chiesa di Santa Maria della Pietà. Si scenderà poi al borgo di Rocca Calascio, e da lì a Calascio, dove si concluderà il nostro itinerario. E proprio qui, mentre il sole lascia spazio alla luna, affascinati dalle tonalità rosee del cielo, potremo godere insieme del suggestivo panorama circostante che spazia dalle cime più alte del Gran sasso alla piana di Campo Imperatore e poi alla Majella, al massiccio del Morrone fino al Sirente ed al Velino. Cosa aspettarsi di più…! percorso di ca. 6 km - Dislivello:  ca. 250 m di saliscendi - Difficoltà:  E-facile
In alternativa sarà possibile raggiungere il borgo di Calascio direttamente in pullman e salire a Rocca Calascio con la navetta (4 euro da pagare in loco)
19:30 Trasferimento a Roccacasale 
20:30 Accoglienza in hotel e cena tipica abruzzese al ristorante interno

II° Giorno
Colazione
  8:30 Trasferimento a Campo Imperatore, il "Piccolo Tibet" d'Abruzzo!
10:00 Incontro con la guida di media montagna per l'escursione a piedi della Piana di Campo Imperatore con partenza da località Fonte Vetica. L'altopiano, compreso tra i 1500 ed i 1900 m di quota, alterna pianure alluvionali di origine lacustre con morene lasciate dagli antichi ghiacciai, rock-glaciers, nivomorene, circhi glaciali, brecciai e fiumare, versanti rocciosi tormentati, pareti verticali e sinuosi e inaspettati canyon nascosti tra le balze infinite della piana. Faremo tappa proprio nel luogo dove nel film il bambino e Trinità rubano i fagioli al gruppo di cowboy, immaginando di essere nel selvaggio West... invece che nel meraviglioso Abruzzo! Percorso:  anello di ca. 7 km- Dislivello:  ca. 150 m di saliscendi - Difficoltà:  E - facile
13:00 Pranzo libero al Ristoro Mucciante (all'aperto) con grigliata con arrosticini e costolette d'agnello, braciole, pancetta e salsicce di maiale, (da cuocere con la brace a disposizione), e/o prosciutto e salumi come salsicce stagionate di maiale, cinghiale e formaggi locali. – Costo di 15 euro circa da pagare in loco!
15:00 partenza per rientro a Rimini 
Percorreremo altri 20 chilometri in pullman lungo l'altopiano fino a scendere ad Assergi per immetterci poi sull'autostrada l'Aquila-Roma. A metà percorso passeremo a una ventina di chilometri dall'Hotel Campo Imperatore (2130 mt slm) dove fu tenuto prigioniero Mussolini dopo l'armistizio (chiuso da diversi anni) e l'Osservatorio Astronomico d'Abruzzo dove 
se ci saranno le condizioni meteorologiche e di traffico faremo tappa per una sosta fotografica. 
20:30 arrivo previsto al piazzale antistante l'agenzia

Attrezzatura minima necessaria:
Calzature da trekking (no scarpe da running o similari) e calzettoni adeguati, bastoncini da trekking (consigliati), abbigliamento a strati possibilmente traspirante, cappello con visiera o bandana, crema solare, occhiali da sole o con lenti trasparenti, una maglia a maniche lunghe, giacca antivento e antipioggia, zaino con borraccia piena, snack da conforto.

INFORMAZIONI IMPORTANTI SUI DETTAGLI DEL VIAGGIO PER COVID-19: 
Con il DECRETO-LEGGE - 16 maggio 2020, n. 33, si prevede che tutte le attività si svolgano nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.
La Quota Comprende
Pullman Privato GTPullman Privato GT
N. 1 Notte Hotel ***N. 1 Notte Hotel ***
N. 1 ColazioneN. 1 Colazione
N 1 Cena TipicaN 1 Cena Tipica
N. 2 Visite EscursionisticheN. 2 Visite Escursionistiche
N. 1 Visita GuidataN. 1 Visita Guidata
Assistenza CiakAssistenza Ciak
Quota d'IscrizioneQuota d'Iscrizione
Ass. Medico BagaglioAss. Medico Bagaglio
Tasse, Park, ecc.Tasse, Park, ecc.
La Quota NON Comprende
  • Tutto quanto non indicato nella quota comprende
  • Tassa di soggiorno, mance ed extra personali

Informazioni utili

  • E’ possibile partire su richiesta di almeno 2 partecipanti da altri due caselli lungo il percorso autostradale: Valle del Rubicone - Rimini Nord - Riccione - Cattolica  (altre su richiesta)
  • La sistemazione si intende in camera doppia
  • Supplemento camera singola su richiesta  € 30

Vuoi prenotare questa offerta?
Compila il form

Gallery Viaggi Realizzati